SEO

Trend SEO 2021: una guida ai nuovi cambiamenti

27/05/2021

Nuovi trend SEO sono previsti per il 2021. Il mondo si evolve, le abitudini degli utenti cambiano e così anche le strategie di conversione vanno aggiornate. Chi fa parte del mondo SEO sa che bisogna rimanere costantemente aggiornati per godere di una posizione di vantaggio rispetto ai competitor e impostare le giuste strategie per acquisire visibilità e raggiungere i propri obiettivi.

L’importanza della SEO

Per SEO si intende l’ottimizzazione per i motori di ricerca. L’acronimo deriva infatti dall’inglese Search Engine Optimization e riguarda tutte le strategie e attività volte a migliorare la scansione, l’indicizzazione e il posizionamento dei contenuti del proprio sito web.

Se usata correttamente, la SEO è un ottimo modo per attirare gli utenti e migliorare il proprio posizionamento organico. L’organico fa riferimento ai risultati della SERP (Search Engine Results Page, ovvero la pagina dei risultati del motore di ricerca) non a pagamento, ovvero quelli che non contengono la dicitura “Ann.”, abbreviazione di annuncio a pagamento.

Come lavora un motore di ricerca?

Il motore di ricerca come prima cosa scansiona la rete alla ricerca di nuovi contenuti (fase di crawling). Il crawler passa su ogni sito e legge tutti i contenuti, navigando tra le varie pagine attraverso i link. Poi procede alla fase di indicizzazione, archivia i dati all’interno del database del motore di ricerca e li ordina in base alla pertinenza rispetto a una determinata parola chiave ricercata. Infine vi è la fase di posizionamento (o ranking) all’interno della SERP che prende in analisi tutta una serie di fattori e che può variare da una ricerca all’altra o da un utente all’altro.

L’obiettivo della SEO è quello di migliorare il posizionamento e dunque la visibilità di un sito web e di portare conversioni. Le attività della SEO possono essere suddivise in on-page e off-page e si basano su determinati fattori:

  • Fattori On-site, sono tutte quelle ottimizzazioni che vengono effettuate all’interno del sito e riguardano la scelta delle parole chiave, i contenuti, titoli, descrizioni, etc.
  • Fattori Off-site, sono tutte le attività svolte su elementi esterni al sito come link building, gestione dei social network, recensioni, scheda di Google My Business.

I trend SEO del 2021

Ecco alcuni trend SEO del 2021:

Ottimizzazione delle immagini.

Le immagini hanno da sempre un ruolo essenziale e lo saranno ancora di più quest’anno. Una corretta indicizzazione incide sul posizionamento e sulla visibilità del sito. Le immagini devono essere di buona qualità e coerenti con il contenuto della pagina, devono contenere il tag alt (testo alternativo) e non avere un peso eccessivo.

Mobile first

Di recente Google ha annunciato il Mobile First Index, in vigore da marzo 2021, che segna il primato del mobile sul desktop. Su Google Search Console è possibile valutare il rapporto “Usabilità sui dispositivi mobili”, ispezionare le url e verificarne la corretta scansione da parte di Google e gli eventuali problemi rilevati. È molto importare prestare particolare attenzione ai contenuti lazy loading, ovvero quei contenuti caratterizzati da un caricamento lento determinato dal compiere di un’azione da parte dell’utente (click o scrolling).

Voice Research

La crescita dell’utilizzo degli assistenti vocali come Siri e Alexa, fa presagire che a breve sempre più persone prediligeranno la ricerca vocale per trovare le informazioni sul web. Ottimizzare i contenuti per la ricerca vocale permette al sito di essere maggiormente rintracciabile dagli utenti, sia che essi digitino la keyword sulla tastiera, sia che la pronuncino a voce.

Maggiore importanza ai contenuti basati sul principio EAT

Il principio EAT si sofferma su 3 caratteristiche principali: Expertise (Esperienza/Competenza), Authoritativeness (Autorevolezza), Trustworthiness (Affidabilità).

Per Google i contenuti EAT continueranno a essere importanti anche nel 2021 al fine di offrire agli utenti contenuti di qualità soprattutto per determinati settori come quello medico, finanziario e sociale/politico.

Intelligenza artificiale

Grazie all’algoritmo Rank Brain, introdotto da Google nel 2015, il crawler non ha bisogno di essere programmato da qualcuno ma è capace di un sistema di apprendimento automatico. Bisogna rendere l’esperienza dell’utente impeccabile per fare in modo che il sito sia ben leggibile dal crawler e possa navigare con facilità tra i contenuti e le pagine.

Video

Per quest’anno si prospetta un rilancio dei contenuti video. Le strategie di video marketing stanno portando risultati notevoli, senza considerare che ad oggi YouTube è il sito più visitato al mondo. Dunque appare utile inserire all’interno della propria strategia SEO i contenuti video e ottimizzarli su determinate keyword. Inoltre si consiglia di ottimizzare il contenuto con title, description e tags, inserendo dove possibile anche una trascrizione del parlato. Ogni modifica presa singolarmente potrebbe apparire poco importante ma tutte queste best practice messe insieme hanno un notevole impatto: migliorano l’esperienza dell’utente e le prestazioni del sito.

Rekuest - Grass blue

Bisogno di aiuto?

Hai bisogno di supporto per il tuo progetto digitale? Chiedici una consulenza gratuita

E' necessario indicare il nome
E' necessario indicare un indirizzo e-mail
E' necessario indicare un recapito telefonico
E' necessario indicare un messaggio
Rekuest - White Plants