Agenzia web

I 5 segnali per scoprire se hai bisogno di un nuovo sito

16/07/2021

Le visite sono in calo? Non ottieni abbastanza conversioni? Stai scendendo vertiginosamente tra i risultati di ricerca? Probabilmente la soluzione è molto semplice: rifare il sito web. Non stiamo parlando semplicemente di un restyling estetico per dare una rinfrescata a layout e colori, ma di interventi profondi che migliorino l'esperienza utente nel tuo spazio web e ti rendano maggiormente affidabile agli occhi dei motori di ricerca. D'altronde il digitale è in continua evoluzione, così come le abitudini degli utenti e i fattori di ranking di Google: è inevitabile che ad un certo punto sia necessario intervenire per non perdere la corsa. Ma come riconoscere se è davvero arrivato il momento di una intervento? Ecco i 5 segnali per scoprire se ha bisogno di un nuovo sito.

5 segnali che hai bisogno di un nuovo sito web

1. Non hai un sito responsivo

Da qualche anno si parla sempre più di "mobile first", sottolineando l'importanza di privilegiare la navigazione da smartphone e tablet. Ma non si tratta di una leggenda metropolitana: se il tuo sito non è responsive, probabilmente abbiamo già individuato il motivo principale per cui non compare tra i risultati della SERP di Google. Infatti, già da qualche anno, Google ha introdotto il Mobile First Index: l’algoritmo che scansiona le versioni mobile delle pagine web, dando loro la priorità nella SERP.

Ma come capire se il tuo sito soddisfa i criteri del motore di ricerca? È molto semplice. Un sito responsivo si distingue per la struttura, il web design e il template che si adattano perfettamente ai dispositivi da cui si accede. Viceversa, un sito non responsive non si adatta bene allo schermo di smartphone o tablet, mostrando testi a metà o immagini troppo grandi che ci costringono a rimpicciolire le dimensioni per poterne fruire correttamente. 

Insomma, se la maggior parte del traffico online oggi proviene da mobile e se Google penalizza i siti non responsivi, forse è davvero il caso di rifare sito internet e layout.

5 segnali che hai bisogno di un nuovo sito web

2. Velocità di caricamento

Legata al concetto di responsività del sito web è la velocità di caricamento delle pagine. Pensiamo a quando navighiamo su internet, soprattutto da smartphone: la pazienza è poca e vogliamo subito trovare la giusta risposta alla nostra domanda; se poi siamo in giro o dobbiamo prenotare al volo il tavolo ad un ristorante abbiamo bisogno di un feedback immediato. Se il caricamento delle pagine non è abbastanza tempestivo, gli utenti abbandonano il tuo sito web senza pensarci due volte.

Non solo: anche in questo caso Google premia nella propria SERP i risultati ben ottimizzati in questo senso. Se infatti fare clic per aprire una pagina è la cosa più semplice del mondo, fare in modo che si carichi in un secondo no. I fattori che influiscono in questo processo sono diversi e per alcuni, come la qualità del segnale, le condizioni dell'hardware o il browser utilizzato, possiamo farci ben poco.

Tuttavia, possiamo giocare d'anticipo rendendo il sito web più leggero possibile per consentirne il caricamento più rapido anche in presenza di una connessione debole o di un dispositivo non proprio aggiornato. Non ci soffermeremo qui nelle specifiche tecniche di cosa significa rendere il codice del sito più leggero, ma per fare qualche esempio potremmo dire che vanno presi in considerazione ad esempio la dimensione delle immagini, i richiami a file esterni o la qualità del CMS utilizzato.

Rendendo la velocità di caricamento il più efficiente possibile, anche in condizioni avverse, gli utenti preferiranno te ai tuoi competitor e non abbandoneranno le tue pagine finalizzando le conversioni e mantenendo il Bounce Rate del tuo sito web basso.

5 segnali che hai bisogno di un nuovo sito web

3. Bounce Rate alta

Proprio il Bounce Rate è un altro indice fondamentale per comprendere se hai bisogno di un sito nuovo.  La Frequenza di Rimbalzo è una metrica di Google Analytics comunemente utilizzata per monitorare le prestazioni di un sito web in considerazione del comportamento degli utenti durante la navigazione.

Detto in maniera semplice, il Bounce Rate serve a calcolare la percentuale di visitatori che lasciano il sito dopo aver consultato una sola pagina, "rimbalzando" e tornando alla precedente pagina dei risultati di ricerca o dell'altro sito da cui partiva il link in uscita che ha fatto atterrare l'utente sulla pagina incriminata. Detto in parole ancora più povere, se l'utente abbandona una pagina entro 5 secondi non è interessato

Possiamo dire che il cui successo di un sito web è legato al fatto che gli utenti siano incentivati ad esplorare più di una pagina grazie ad una chiara organizzazione dei contenuti e ad una grafica accattivante. Eppure si tratta di un valore “ambiguo” perché un tasso elevato non significa necessariamente che il sito funzioni male, infatti molto dipende dalla natura del progetto. In questo senso Google Analytics arriva in soccorso, mettendo in rapporto questo indice con altri fattori che consentono di analizzare il dato da diverse prospettive. Ad esempio mette in relazione il Bounce Rate con il canale o con la coppia sorgente/mezzo e potrebbe emergere che il problema potrebbe limitarsi ad un canale specifico o ad una sola pagina del sito. Questo consente di risolvere l'impasse con interventi mirati.

5 segnali che hai bisogno di un nuovo sito web

4. Il Ranking su Google non va

Abbiamo accennato a quanto un sito non responsive, la lentezza nel caricamento delle pagine e un Bounce Rate alto influenzano il posizionamento del tuo sito web sui motori di ricerca. Facciamo adesso il punto sull'importanza del ranking di Google e sui fattori decisivi per risalire la SERP.  

Google attribuisce un punteggio ad ogni sito sulla base di quanto esso risponda ai propri fattori di ranking, i quali determinano il successo o meno del tuo sito web. Si tratta di una serie di algoritmi, oltre 200, che valutano le prestazioni di un sito web. Alcuni fattori sono fondamentali per il posizionamento, altri meno, ma comunque sono tutti in continua evoluzione e ogni cambiamento dell'algoritmo spinge a rivedere le strategie SEO.

Le attività necessarie per migliorare il proprio ranking su Google si muovono in diverse direzioni: sia on site, (quindi direttamente sul sito web) che off-site; sia a livello di architettura dei contenuti che a quello dei singoli testi nelle pagine; sia a livello di struttura e funzionalità che a quello di meta tag; e via dicendo.

Insomma: se non compari sotto i radar di Google, probabilmente hai bisogno di un sito nuovo che soddisfi i criteri del motore di ricerca i quali, attenzione, rispondono innanzitutto ai bisogni e ai comportamenti degli utenti!

5 segnali che hai bisogno di un nuovo sito web

5. Non puoi modificare i contenuti in autonomia

Non siamo tutti programmatori che conoscono il linguaggio html, ma siamo tutti utenti alla ricerca di informazioni utili e aggiornate. Un sito web dinamico, che quindi genera le pagine in tempo reale e in base alla situazione, ti permette di modificare i contenuti in maniera intuitiva, utilizzando un semplice pannello di amministrazione.

Questo non esclude che il sito sia realizzato in maniera ugualmente professionale, ma sicuramente aiuta te ad aggiungere e rivedere i contenuti del sito con facilità, facendo capire ai motori di ricerca che il tuo spazio web è vivo, attivo e utile per gli utenti. Detto questo puoi ben intuire come il costante aggiornamento del sito web sia un fattore di ranking positivo per Google.

Se il tuo obiettivo è quello di migliorare il sito, è fondamentale tenere il passo con le tecnologie web più recenti ed essere in grado di aggiornare costantemente il layout e le funzionalità altrimenti, lo abbiamo visto, rischi la penalizzazione da parte di Google.

Creare un nuovo sito web dinamico facilita l'esecuzione di tutte queste attività, semplificandoti la vita, facendoti risparmiare in termini di tempo e di soldi ma soprattutto ottenendo più visibilità e conversioni.

Per accertarti che il tuo sito sia responsive o per realizzarne finalmente uno che ti faccia ottenere conversioni, contattaci. Rekuest è esperta nella realizzazione di siti web mobile first e ottimizzati per Google.

Rekuest - Grass blue

Potrebbe interessarti

Dai un'occhiata agli altri articoli in agenzia web

Agenzia web Servizi di web design: perché scegliere un’agenzia

Servizi di web design: perché scegliere un’agenzia

È giunto il momento di rinfrescare il tuo sito web? Hai deciso di ridefinire la tua brand identity? Vuoi pianificare...

vai al post
Agenzia web Perché affidarti a un’agenzia web marketing?

Perché affidarti a un’agenzia web marketing?

Un'agenzia di Web Marketing è una realtà, formata da esperti in diverse attività specifiche legate al digitale, che...

vai al post
Agenzia web Realizzazione siti web: come riconoscere un’agenzia esperta

Realizzazione siti web: come riconoscere un’agenzia esperta

Per creare un sito web di successo è innanzitutto necessario avere le idee chiare. Chi sei? Qual è il tuo business?...

vai al post
Agenzia web User experience design: perché mettere l’utente al centro della tua presenza digitale

User experience design: perché mettere l’utente al centro della tua presenza digitale

I tuoi potenziali clienti si sono spostati quasi tutti online. Di conseguenza il primo approccio con il tuo brand...

vai al post
Rekuest - Grass blue

Bisogno di aiuto?

Hai bisogno di supporto per il tuo progetto digitale? Chiedici una consulenza gratuita o chiama lo 06.45432090

E' necessario indicare il nome
E' necessario indicare un indirizzo e-mail
E' necessario indicare un recapito telefonico
E' necessario indicare un messaggio
Rekuest - White Plants