Oculus Go, Facebook e Spaces: la realta’ aumentata per tutti

Rekuest_Oculus3

Ormai abbiamo iniziato a conoscere Mark Zuckerberg. Nel suo modo di fare, nulla è lasciato al caso e se una nuova funzionalità, un nuovo progetto o una nuova intuizione sembrano finire nel dimenticatoio, non è detto che pochi mesi dopo ricompaiano sotto diverse forme. È il caso della realtà aumentata: nell’aprile di quest anno Zukerberg aveva trionfalmente annunciato: “Siamo pronti a lanciare il primo prodotto social virtuale”. Si tratta di Facebook Space, un social network che si basa sulla tecnologia dell’Oculus: un visore di realtà aumentata indossabile in viso (head-mounted display) e disponibile in versione Beta nello store della società acquistata da Facebook stesso nel 2015.

Rekuest_Oculus

Oculus e Spaces, un’equazione vincente

Il piano sembra ancora una volta vincente: il colosso di Menlo Park investe su un nuovo prodotto tecnologico di rottura, lo fa crescere e lo “arricchisce” socialmente fino a integrarlo con le sue funzionalità, aprendo un’ennesima finestra nelle future potenzialità del social network che è arrivato a contare fino a due miliardi di utenti attivi in un solo giorno. In questo caso poi l’equazione Oculus + Facebook = Space è davvero di facile risoluzione: creare un ambiente digitale iper-realista (o meglio, iper-mediato dalla realta’ aumentata) in cui incontrare i propri amici (o meglio, gli avatar dei propri amici) e interagire con loro. Insomma, una sorta di Second Life 2.0 molto zukerberghiano: l’app è pensata per permettere agli amici che non possono incontrarsi di trascorrere comunque del tempo insieme, ribaltando la concezione per cui la realtà aumentata porti all’astrazione (non è un caso se gli ambienti di Space si basano su quelli già condivisi dall’utente su Facebook attraverso foto e video). L’app però è rimasta nel dimenticatoio fino a qualche giorno fa, quando Zuckerberg ne ha dato una dimostrazione pratica documentando la devastazione dell’uragano Maria a Porto Rico (senza rinunciare a raccontare quanto fatto da Facebook per la popolazione) per poi atterrare sulla luna.

Rekuest_Oculus2

Oculus Go: la realta’ aumentata pret-a-porter

A questa mossa, che sembra una dichiarazione d’intenti molto forte, ne va aggiunta una seconda ancora più recente: dal 2018 sarà in commercio Oculus Go, una versione meno avanzata del visore per la realtà aumentata che costerà “solo” 199 dollari – rispetto ai 399/599 delle versioni fino a ora in commercio. Il mercato, a oggi, è molto ristretto – appena 7 miliardi di dollari nell’anno corrente – ma c’è chi prevede già impennate di oltre 30 miliardi nei prossimi 5 anni. Zuckerberg, intanto, si è assicurato un device all-in-one che non richiede l’uso del pc e con cui sfruttare comunque le potenzialità della nuova tecnologia su cui sembra che Facebook stia puntando molto forte.