Il futuro del Web e dei Social Network? E’ il video

Video3

Il futuro dei Social Network, e del Web in generale, è tutto nel video. La “guerra” tra Youtube (Google) e Facebook per la supremazia del consumo di video è solo agli inizi. Zuckerberg ha introdotto le “storie”, uno strumento per pubblicare un collage di foto e video, sia su Facebook che su Whatsapp, copiandole in toto da Instagram (non vi scandalizzate, è tutto suo!). Secondo Cisco nel 2017 il 69% del traffico web sarà costituito da video. Secondo Nielsen il 64% dei marketers ritiene dominerà le loro strategia nell’immediato futuro. I numeri di Youtube sono impressionanti.

Video

Al momento la partita sul mercato dei video sembra giocarsi intorno a tre elementi:
  1. Il superamento della Tv
  2. La realta’ aumentata
  3. L’implementazione e la diffusione dei video come strumento di comunicazione

 

“Taking Over Television”

La sostituzione della tv è dietro l’angolo? No, e forse non avverrà mai. Ma tutti i player in gioco cambieranno in continuazione e si contamineranno. Nel 2016 si sono affermati, complice la diffusione dei collegamenti internet veloci sui dispositivi mobili, i video live. La novità non è stata tanto nello strumento ma nelle opportunità di andare oltre il classico modello “Broadcast” (da uno a molti) di televisione. La televisione “tradizionale”, quella con degli orari stabiliti di messa in onda di un programma, la pubblicità, gli ascolti in milioni di spettatori, sta perdendo seguito. Le analisi demoscopiche mostrano che solo le fasce di età più alte continuano a essere fedeli al “medium” Tv. La tv esiste, resiste e funziona. Ma sta cambiando il panorama in cui opera. I giovani spezzettano il loro tempo televisivo essenzialmente “on demand”, scegliendo il luogo e il tempo della propria fruizione. Un esempio? Netflix.

 

La realta’ aumentata e le Video Ads

La realtà aumentata (AR) è una estensione della realtà virtuale (VR). Tutti abbiamo visto l’immagine, diventata virale, di Zuckerberg che cammina sorridente in mezzo a una folla di giornalisti seduti e con il visore per VR. Le attese in questo campo sono tante, ma non sempre fruttuose.

Qualcuno ricorda ancora il faraonico lancio dei Google Glass? Bloomberg ha riportato che Apple sta investendo pesantemente in questo campo. Il  CEO di Apple Tim Cook ha detto che “presto avremo esperienze di AR ogni giorno, e sarà come mangiare un pasto tre volte al giorno. Diventerà parte di noi”. Uno studio condotto da eMarketer, dimostra come il 72% degli addetti marketing abbia programmato di investire principalmente in YouTube il budget di digital advertising del prossimo anno. Contro il 46% che preferisce indirizzare l’investimento su Facebook. Se qualcuno si sta chiedendo perchè si può rispondere da solo: è più semplice guardare un video o leggere un testo?

VR

I video sui Social

L’opportunità di una “social tv” è enorme. Facebook sta lavorando per lo sviluppo di studi professionai in grado di creare contenuti originali. Il live di Facebook, così come quello di Twitter (Periscope) sono la prima, massificata proposta di una Social Tv. Alcune indiscrezioni su brevetti e sviluppi di funzioni tv per i social possono essere viste qui. Mandare in diretta quello che si sta vedendo con un semplice clic dal proprio dispositivo mobile non è un’azione senza conseguenze. Significa dover creare delle regole legali certe per gli eventi a pagamento (si pensi a quelli sportivi o musicali dove il copyright e i diritti televisivi comandano) e dare a tutti uno strumento di cronaca. Si pensi al caso di Philando Castile, un afroamericano ucciso dalla polizia negli Usa, e alla sparatoria avvenuta a Dallas durante le manifestazioni di Black Lives Matter scaturite in risposta alla morte di Castile e di Alton Sterling in un caso simile di “police brutality”.

Social

 

Qui trovate una infografica molto interessante sulle giuste misure e indicazioni per mettere le vostre foto e video sui Social.