Cosa fa e come lavora un Social Manager?

1

In molti, probabilmente in troppi, oggi si definiscono “Social Media Manager”. Ma cosa dovrebbe fare esattamente un SMM?

In un post precedente abbiamo analizzato le 25 figure professionali ufficiali del mondo del Web. Salta subito all’occhio che non esiste il ruolo di “Social Media Manager”.  Un altro modo di chiamare questa professione e’

Web Community Manager: crea e contribuisce a potenziare le relazioni tra i membri di una comunita’ virtuale presenti sul Web e tra questa e l’organizzazione committente, con una comunicazione efficace all’interno del gruppo; in particolare promuove, controlla, analizza e valuta le conversazioni che si svolgono sulle varie risorse Web (siti Web, blog, social network). Costruisce e gestisce la relazione con gli stakeholder online. Puo’ lavorare come free-lance, per agenzie specializzate di Web marketing o all’interno di un’organizzazione. In quest’ultimo caso, nel linguaggio anglosassone, viene spesso utilizzato anche il termine Internal Community Manager. E’ conosciuto anche come Community Manager.

GraficaTablet

Un Social Media Manager deve essere sempre aggiornato sulle novita’ del panorama mondiale della comunicazione online. Per farlo deve conoscere le migliori fonti di notizie italiane e straniere. Un’altra caratteristica fondamentale per chi vuole gestire dei Social aziendali e’ la capacità di scrittura. Scrivere per il web necessita di accorgimenti e competenze particolari facendo molta attenzione a non cadere nella scorrettezza del clic baiting.

Un SMM cura quotidianamente, 7 giorni su 7 e 12 ore al giorno, le “conversazioni” sul brand. Usa i Social Network più adatti alle sue esigenze. Twitter e’ uno strumento imprescindibile del Social Media Manager. In questo articolo potete trovare un decalogo di come usarlo in maniera efficace.   Twitter permette conversazioni rapide, dirette, sintetiche.

Abbiamo visto in un precedente post come, cosa e quanto bisogna scrivere sui Social Network. La nostra strategia va valutata in base agli obiettivi da raggiungere in funzione delle risorse disponibili.

Una capacita’ molto apprezzata per i SMM e’ quella di saper raccontare un evento live. E’ un valore aggiunto del brand: essere sempre nel vivo della comunicazione, sia online che offline. Esistono poi degli strumenti per rendere il lavoro del SMM piu’ agevole e programmare, almeno in parte, i vari contenuti sui differenti account social. Hootsuite e’ uno dei piu’ apprezzati. Sotto: un video tutorial sul funzionamento di HootSuite, strumento fondamentale per un SMM.